1150SRF cerniera a scomparsa per porte blindate

La nuova 1150SRF è una cerniera invisibile, in quanto il suo corpo è ospitato nello spazio libero fra il telaio e il falso telaio della porta. Quando questa è chiusa quindi, tutta la meccanica è occultata, incrementando la resa estetica finale.

PettitiPettiti Giuseppe SpA ha messo a punto una nuova cerniera a scomparsa per porte blindate. Con questo articolo, l’azienda conferma il suo impegno nel campo della sicurezza passiva, uno dei settori che negli ultimi anni si è dimostrato fra i più sensibili alle innovazioni, rilanciando il connubio sicurezza-estetica, che ha già caratterizzato la sua linea di accessori per inferriate, e la sua linea di inferriate a battente in alluminio della serie BlindoWing.

La nuova 1150SRF è una cerniera invisibile, in quanto il suo corpo è ospitato nello spazio libero fra il telaio e il falso telaio della porta. Quando questa è chiusa quindi, tutta la meccanica è occultata, incrementando la resa estetica finale, e ponendo l’accento sulla finitura del pannello. Con questa tipologia di cerniere, inoltre, è possibile realizzare delle applicazioni a filo, ovvero con l’anta praticamente complanare con il muro, in accordo con i canoni estetici attuali, minimalisti e moderni.

Il corpo della cerniera è realizzato in alluminio EN AW-6005, una lega che offre una resistenza al carico e alla deformazione superiore a quella delle leghe normalmente impiegate nell’accessoristica. Il perno centrale, di diametro 10 mm, in acciaio, ruota all’interno di boccole sinterizzate annegate nell’alluminio. Questa soluzione garantisce una maggior fluidità di rotazione e la durata nel tempo delle prestazioni. Tutte le staffe di fissaggio all’anta e al telaio sono invece in acciaio zincato.

La cerniera 1150SRF, disponibile nelle 2 versioni, destra e sinistra, è registrabile per permettere i normali aggiustamenti durante la posa in opera. La regolazione in altezza avviene agendo su 2 grani presenti nel corpo inferiore della cerniera, accessibili ad anta aperta. Sempre agendo su di un grano, si ottiene la regolazione della distanza fra anta e telaio. La terza registrazione, quella in profondità, è facoltativa, e si può ottenere effettuando delle asolature nei punti di ancoraggio della staffa che collega il corpo inferiore della cerniera al telaio.

Pettiti

Per facilitare la fase di installazione, la cerniera può essere già montata a banco all’interno del profilo del telaio, prima della posa. Lo stesso può avvenire con la staffa di fissaggio del corpo superiore all’anta. Sarà quindi possibile continuare a fissare telaio e falso telaio al muro senza avere l’ingombro e il peso della porta, proprio come per le cerniere tradizionali, e quindi collegare l’anta al telaio successivamente, semplicemente avvitando delle viti. L’operazione di posa dell’anta è facilitata da 2 denti di aggancio presenti sulla cerniera, che appendono letteralmente il lato interno dell’anta stessa alla staffa fissata al telaio. Questo semplice accorgimento consente all’installatore di scaricare buona parte del peso della porta blindata durante la fase di serraggio delle viti di collegamento. In definitiva, la nuova cerniera a scomparsa della Pettiti si presenta sul mercato come una valida alternativa alle cerniere tradizionali, permettendo di incrementare la resa estetica del serramento, mantenendo le sue qualità di sicurezza. Il tutto coniugando sapientemente la tecnologia di un prodotto innovativo con la semplicità di installazione.

www.pettitispa.com

Pubblica i tuoi commenti