La sicurezza attraverso l’elettronica

Gli investimenti futuri riguarderanno sempre più lo sviluppo di articoli come cerniere all’avanguardia, cilindri di sicurezza, supporti, bracci e sensori.

Sono soprattutto due, e collegati fra loro, i temi trainanti per quanto riguarda l'innovazione nel settore dei componenti e accessori per i serramenti: si tratta della sicurezza e dell'evoluzione dell'elettronica. Nel primo caso, la ricerca va verso l'elaborazione di componenti più efficaci per rispondere a problematiche meccaniche legate alla movimentazione delle porte blindate, particolarmente pesanti, mentre l'innovazione nelle componenti elettroniche va nella direzione dell'integrazione con i vari sistemi attivi nell'involucro. Oggi il controllo dello stato della porta è connesso e legato ai sistemi domotici ed è diventato fondamentale, quindi, abbinare a porte e finestre soluzioni intelligenti in modo che siano controllabili da remoto. L'innovazione riguarda il singolo prodotto e le componenti software, la connessione a una cloud e l'integrazione con app. Negli ultimi anni, si è assistito a un'impennata nella richiesta di accessori per serramenti da impiegare nel campo dell’antieffrazione e della sicurezza. Buona parte degli investimenti sulla ricerca di nuovi prodotti hanno riguardato lo sviluppo di articoli come le cerniere per porte blindate o gli accessori per le inferriate di sicurezza (cerniere, serrature e complementi). Questo trend dovrebbe continuare anche nel prossimo futuro, perché la sicurezza delle abitazioni è destinata a divenire sempre più un problema da affrontare e risolvere". Spazio, quindi, a cerniere di nuova generazione, cilindri di sicurezza, supporti, bracci e sensori. E il design? Per accontentare le richieste crescenti legate a un’estetica minimalista le aziende hanno dovuto sviluppare elementi ad hoc, come cerniere per inferriate con innesto, in grado di alleggerire l’impatto estetico dell'inferriata sul serramento, eliminando i montanti intermedi o, passando dal metallo al legno, gli accessori che consentono di eliminare la mantovana che copre il binario di scorrimento. In queste linee di prodotto il binario diventa un elemento estetico a vista, che si integra bene con l'ambiente circostante. Altri sistemi sono in grado di nascondere completamente il binario, tanto da dare l'impressione che l'anta sia sospesa nel vuoto. Si tratta di soluzioni innovative che hanno costi comunque decisamente superiori alle applicazioni standard, ma si rivolgono a una fascia alta di mercato. E, a proposito di mercato, è in atto una lenta ripresa nel nostro Paese: negli ultimi due anni il fatturato nazionale di molte aziende del settore è tornato a crescere dopo molti anni di flessione. Pur non essendoci previsioni di impennate di vendite, questa inversione di tendenza va guardata con ottimismo, perché probabilmente l'obiettivo delle aziende dei prossimi anni dovrà essere di lavorare per un mercato più calmo rispetto a quello di dieci anni fa, ma più stabile. Il mercato estero, per quanto non entusiasmante, gode di salute migliore. Ma è un mercato più difficile, perché richiede molti sforzi da parte degli uffici commerciali, e quasi sempre più investimenti sia nel campo del marketing che nel campo della ricerca e sviluppo. L'interesse dei paesi esteri per il made in Italy rimane comunque una garanzia per tutte le aziende che investono nei mercati oltre frontiera. Secondo le ultime statistiche, per il settore "Serrature, ferramenta e maniglie" l'anno 2015 si è concluso con un aumento del valore della produzione (+3,1%). Il trend positivo prosegue, infatti a conclusione del 2016 si prevede un ulteriore crescita rispetto all’anno precedente (+1,1%). Il mercato estero, principalmente costituito dai mercati europei, ha registrato nel 2015 un aumento (+4,6%) rispetto al 2014.

I materiale
Nel settore dell'accessoristica per ferramenta, il protagonista assoluto è il metallo. La classifica dei singoli materiali, in funzione della frequenza d'uso, variabile relativamente alle specifiche linee produttive ma con comuni denominatori fissi, vedono l'acciaio al 60% dei volumi di materia prima (materiale che da solo ricopre quasi al completo il fabbisogno di materia prima degli accessori per gli specialisti del ferro), al 30% l'alluminio (soprattutto per i binari di scorrimento delle porte da interni), al 5% l'ottone (impiegato soprattutto in alcuni elementi delle cerniere per porte blindate) e, cambiando tipologia, il 5% la plastica (impiegata per la produzione di ruote e carrellini per le porte per interni).

Immagine da Fotolia

Immagine da Fotolia

Domotica
I sistemi domotici legati alle richieste di sicurezza o di automazione dell’involucro edilizio passano anche attraverso i serramenti: si possono programmare cicli di apertura e chiusura delle finestre lungo l'arco della giornata, far scorrere le tapparelle selezionando il comando da una app, oppure muovere facilmente pesanti persiane con l'ausilio di motori simili a bracci meccanici, oltre a movimentare cancelli e portoni di garage senza scendere dall’auto. Per ottenere questi risultati, è fondamentale la collaborazione fra i sistemi di building automation, dalle soluzioni per la movimentazione ai software di comando, con gli elementi tradizionali dei serramenti. Se per un progetto integrato è necessario, a monte, prevedere un sistema articolato, il mercato fornisce anche singole soluzioni per porte o finestre, da installare su ogni elemento.

Pubblica i tuoi commenti