Nel 2015 VinylPlus ha riciclato 500.000 tonnellate di PVC

Al 4° Vinyl Sustainability Forum 2016, svoltosi a Vienna in aprile, sono stati resi noti i risultati di riciclo del PVC per il 2015 da parte di VinilPlus.

Il programma di sviluppo sostenibile dell'industra europea del PVC "VinylPlus", in occasione del 4° Vinyl Sustainability Forum 2016, svoltosi a Vienna il 28 aprile, ha presentato i risultati dell'attività di riciclo del PVC avvenuta durante il 2015. L'evento ha trattato il tema "Smart Vinyl for our Cities", coinvolgendo, enti governativi, 130 stakeholder dal mondo accademico, Nazioni Unite, Commissione Europea, progettisti, designer, architetti e tutti i settori dell'industria del PVC, dando la possibilità all'industria del settore, di condividere i principali successi ottenuti e l'opportunità di completare la sostituzione degli stabilizzanti al piombo nel mercato dell'Europa dei 28, Norvegia e Svizzera. I relatori di alto livello giunti da tutta Europa hanno presidiato le tavole rotonde e le presentazioni, discutendo sull'importanza del contributo che un materiale versatile come il PVC può avere in ambito edilizio e del ruolo che rappresenterebbe nelle esigenze future delle persone che vivono e lavorano in ambienti urbani.

VinylPlusIn questo contesto il Presidente di VinylPlus Josef Ertl ha dichiarato: "Le città del futuro, per riuscire a garantire una migliore qualità della vita, avranno bisogno di edifici con sistemi fognari affidabili, una distribuzione idrica adeguata, salubrità e basso consumo energetico e di assistenza sanitaria a prezzi accessibili. In questo le città europpee sono precursori nel passaggio verso un'economia a basse emissioni di carbonio ed efficiente nell'impiego delle risorse. Il 72% della popolazione dell'UE utilizza il 70% della nostra energia e l'uso del PVC, in sostituzione di altri materiali, migliora le prestazioni dei prodotti offrendo un contributo positivo allo sviluppo sostenibile e ottimizza i costi". Josef Ertl ha inoltre aggiunto: "Con i nostri partner di The Natural Step continueremo nel nostro impegno volontario di comunicare l'importanza e la sostenibilità dei prodotti in PVC per le città del 21° secolo".

Stephan Sicars, Direttore del Dipartimento Ambiente dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale (UNIDO), ha descritto i principali risultati del Vertice di Parigi sul Clima (COP21) e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (2015-2030) affermando: "La rinnovata attenzione verso la progettazione di prodotti e processi sostenibili offre, al settore della plastica e dell'industria del PVC, molte opportunità d'investimento sull'innovazione tecnologica e sull'aumento della domanda dei consumatori per migliori prestazioni e minore impatto ambientale dei prodotti. Secondo alcune stime, questo potrebbe consentire, a livello globale, un potenziale risparmio di risorse di circa 3 mila miliardi di dollari entro il 2030, tra cui mille miliardi di dollari nell'emergente mercato 'green'. Un'economia circolare si rivitalizza e rigenera attraverso la progettazione e la filiera produttiva del PVC, soprattutto in Europa, sta facendo grandi passi avanti nel ridurre il suo impatto ambientale in aree quali la produzione di cloro-alcali, l'uso di energia e di mercurio e la produzione di CVM".

Il Direttore Generale di VinylPlus Brigitte Dero, oltre ha presentare i risultati dello scorso anno ha sottolineato quanto importante sia lo storico traguardo raggiunto dall'Associazione Europea dei Produttori di Stabilizzanti (ESPA - www.stabilisers.eu), inerente alla sostituzione degli stabilizzanti al piombo. Ciò significa che da quest'anno, i prodotti in PVC vergine provenienti dai trasformatori europei non contengono più piombo grazie a un lungo e impegnativo lavoro che ha visto la stretta collaborazione dell'intera filiera per poter risolvere tutti i vincoli tecnici presenti. Brigitte Dero afferma: "I progressi e i risultati del 2015 dimostrano come l'impegno volontario VinylPlus contribuisca ad affrontare il cambiamento climatico, migliorare la sostenibilità dei prodotti e a spingere l'industria europea del PVC verso un'economia circolare".

VinylPlus

VinylPlus ha riciclato circa 514.913 tonnellate di rifiuti in PVC lo scorso anno, un trend in crescita rappresentato per il 45% da profili finestra e prodotti correlati. 508.154 tonnellate sono state registrate e certificate dal sistema di raccolta e riciclo dei rifiuti in PVC Recovinyl (www.recovinyl.com), che comprende 177 imprese a livello europeo. L'obiettivo importante è quello di riuscire a riciclare, entro il 2020, ben 800.000 tonnellate all'anno. VinylPlus, in collaborazione con le autorità competenti, ha confermato il suo impegno ad affrontare la questione dei "legacy additives" nel PVC riciclato chiedendo alla Commissione Europea di identificare delle soluzioni realistiche per poter proseguire con lo sviluppo del riciclo di PVC, dati i suoi benefici in termini di efficienza delle risorse. Oltre a intensificare il dialogo con le istituzioni per un impegno concreto che possa risolvere le preoccupazioni di riciclatori e trasformatori riguardo all'attuazione dei regolamenti UE, come REACH2, CLP3 e Rifiuti Pericolosi4 VinylPlus, con la partecipazione ad attività che le hanno permesso di rafforzare la propria presenza a livello mondiale estendendo l'impegno nei confronti dei grandi marchi globali, ha accresciuto anche la consapevolezza della sostenibilità. Queste attività includono la partecipazione alla Green Industry Platform dell'UNIDO e dell'UNEP e il contributo di VinylPlus a governi e istituzioni sulla implementazione degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile grazie anche al PVC.

Christos Fragakis, Vicecapo Unità del DG Ricerca & Innovazione della Commissione Europea ha affrontato il tema della nuova politica UE su R&I per promuovere le numerose soluzioni, affrontare le sfide legate alle città e supportarle nella transizione verso la sostenibilità, rafforzandone così la capacità di adattamento ai cambiamenti. Fragakis ha inoltre aggiornato i delegati sul nuovo Pacchetto sull'Economia Circolare (approvato nel dicembre 2015), sulla prossima Strategia per le Materie Plastiche e sul potenziale contributo di Horizon 2020 nel sostegno all'innovazione in tutte le sue forme.

009720905Concludendo il Forum Josef Ertl ha affermato che: "Dopo aver ascoltato numerosi e stimolanti interventi e presentazioni, sono fiducioso verso il futuro del PVC. Siamo sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile che ci siamo prefissati per il PVC, rendendolo un materiale di scelta per prodotti sicuri che contribuiscano al benessere della società. La realizzazione di questa visione merita tutti gli sforzi della nostra industria e incoraggio tutti voi a contribuire a questa visione perché sta a noi far sì che si realizzi".

Pubblica i tuoi commenti