Tecnologie per il legno: primo trimestre 2015 in crescita, ma non abbastanza

Il primo trimestre 2015 non conferma, purtroppo, l’ottimismo dell’indagine congiunturale di fine 2014, riguardante il settore delle tecnologie per il legno.

acimallIl mercato interno continua a essere in una fase di evidente debolezza e sono ancora le vendite oltreconfine a mostrare un segno positivo, anche se non si può parlare di un beneficio diffuso, ma riservato soprattutto alle grandi aziende o a quante propongono soluzioni di alto livello. Come recita l'analisi elaborata dall'Ufficio studi di Acimall per i primi tre mesi 2015, "… nonostante il dato sia ampiamente positivo, gli addetti ai lavori si aspettavano un inizio migliore, specialmente sul fronte interno". Ed ecco i numeri: il periodo gennaio-marzo 2015 si è chiuso con una crescita complessiva degli ordini del 13,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

L'estero fa segnare un rotondo +19,1%, l'Italia un –10,3%. Il dinamismo del mercato nazionale registrato nel 2014 segna, dunque, una battuta d'arresto, complice – con ogni probabilità – lo scemare dell'effetto positivo avuto dal provvedimento noto come "Sabatini bis". L'export, in termini generali, sembra non risentire eccessivamente del crollo delle vendite in Russia e in altri mercati in condizioni politico-economiche particolarmente instabili. I dati emersi dall'indagine come sempre effettuata su un campione statistico che rappresenta l'intero settore delle tecnologie per il legno e i suoi derivati – indicano un carnet ordini pari a 3 mesi (erano 2,5 mesi nel precedente trimestre), mentre l'aumento dei prezzi si attesta allo 0,9%.

Secondo l'indagine qualitativa il 27% degli intervistati indica un trend di produzione positivo, il 55% stabile, mentre il 18% dichiara un livello produttivo in calo. L'occupazione è stazionaria per il 68% del campione, in aumento per il 14%, in flessione per il 23%. Le giacenze risultano stabili per il 59% degli intervistati, in aumento per il 18%, in calo per il 23%.

L'indagine previsionale offre qualche indicazione sul futuro: secondo il 45% del campione gli ordini dall’estero registreranno un aumento, per il 50% saranno stabili e per il restante 5% diminuiranno (saldo positivo, pari a +40). Meno ottimismo per il mercato nazionale: il 18% prevede un ulteriore calo, il 59% una sostanziale stabilità, il 23% crede in una crescita. Il saldo è positivo, dunque, e si attesta a +5; nel trimestre precedente tale saldo era negativo (–16).

www.acimall.com

Continua a leggere: Prosegue il trend positivo nel settore delle tecnologie per il legno

Pubblica i tuoi commenti