Vetrate Apexfine di Albertini: interazione fra tradizione e modernità

Residenza in bioedilizia nel comune di Bergeggi, con vista panoramica sulla riviera ligure ha utilizzato le grandi vetrate Apexfine di Albertini.

L'architetto Alberto Bianchi dello studio Bianchi e Bosoni, che ha progettatto e diretto i lavori della Villa di Bergeggi, ha scelto i serramenti Albertini, per dare un ulteriore e importante contributo all'obiettivo preposto del progetto, ovvero, creare un forte legame tra l'abitazione e l'ambiente circostante, senza l'intromissione di barriere opache.

AlbertiniLe ampie vetrate Apexfine di Albertini, installate nella zona del fronte principale orientato a est, permettono alla residenza di godere, per tutta la giornata, dei benefici dati dal calore e dalla luce del sole. Questo tipo di serramento "tutto vetro", garantisce, infatti, una notevole trasparenza e una completa visibilità verso l'esterno, grazie al telaio studiato appositamente per contenere e nascondere i profili dell'anta.

All'esterno della residenza, sono stati realizzati con attenta e sapiente rivisitazione, i tipici terrazzamenti a muri della riviera ligure, richiamati dalle pensiline e dai parapetti, realizzati in cristallo per amplificare e non interrompere mai la continuità visiva. Per questo progetto è stato utilizzato un linguaggio pulito, razionale e lineare, creando volumi molto semplici e distinti. La superficie interna del piano abitativo, pari a 160 m2, è composta da 4 camere da letto, due bagni più quello riservato alla stanza padronale che comprende una mini-piscina panoramica a filo pavimento. La zona living è caratterizzata da un open space dove primeggia un ampio oblò centrale, molto scenografico, che ricorda e omaggia la millenaria tradizione navale della Liguria. La grande vetrata Apexfine di Albertini, posizionata vicino alla camera padronale, può scorrere anche in modo verticalmente, (apertura a ghigliottina) e trova alloggio al piano seminterrato creando così un continuum con il balcone rivestito in legno da esterno.

Oltre all'estetica fine ed elegante delle soluzioni progettuali, l'abitazione risponde perfettamente ai bisogni del committente in termini di funzionalità e performance. La richiesta specifica commissionata al progettista era, infatti, quella di realizzare una casa in classe energetica A+ e costruita in bioedilizia, per questo motivo l'architetto e il cliente hanno selezionato l'impresa Barra&Barra Bio Building Planners (www.barraebarra.com), specializzata nella costruzione di case in legno.

Questa sinergia ha permesso di ottenere un risultato finale all'altezza delle più elevate aspettative, sia in termini estetici che di performances.

www.bianchibosoni.it
www.albertini.it

leggi anche: Interni in miniatura e un’assistenza a 360°

Pubblica i tuoi commenti