UNICA: posa in opera brevettata

Nella collezione di porte Unica di Pivato il design si sposa con l’innovazione tecnica per dar vita a elementi connotati da grande rigore formale ed essenzialità delle linee.

Le porte interne sono un elemento architettonico di grande importanza: definiscono e separano gli spazi garantendo la nostra privacy, arredano e decorano gli ambienti secondo i gusti e la personalità di chi ci abita. Nella collezione di porte Unica di Pivato il design si sposa con l'innovazione tecnica per dar vita a elementi connotati da grande rigore formale ed essenzialità delle linee: porte capaci di impreziosire i contesti abitativi contemporanei. L'utilizzo di un'innovativa cerniera a scomparsa registrabile consente di avere la perfetta complanarità sul lato interno della stanza ed eliminare ogni giunzione visibile tra stipite e coprifilo. Un effetto estetico di grande eleganza che nasce da una specifica progettualità per la posa in opera, coperta da brevetto europeo. Le porte Unica, consentono un'apertura a 180° e grazie allo spessore dell'anta che raggiunge i 56 mm, sono molto solide e resistenti nel tempo. Inoltre, la ricca e articolata gamma di legni e laccati presenti a catalogo, oltre alle molte finiture per l'anta della porta (liscia o incisa, con decorazioni a bassorilievo o con pannelli di vetro di varie dimensioni) permette una grande possibilità di personalizzazione a seconda delle esigenze. Tutte le collezioni Pivato adottano anche un concetto rivoluzionario, altamente silenzioso di apertura dove la maniglia diventa superflua. Infatti non è più necessario usare la mano per agire sulla maniglia perché può essere aperta e richiusa anche con entrambe le mani occupate. Una funzionalità pratica, comoda e semplice dall'estetica pulita e lineare.

Modello in rovere grigio spazzolato. Apertura Silenzio.

Modello in rovere grigio spazzolato. Apertura Silenzio.

Emissioni di formaldeide
La formaldeide è un composto organico gassoso, spesso usato in passato come potente battericida e oggi riconosciuto come uno dei più diffusi inquinanti per interni. Può causare irritazioni agli occhi, alle vie respiratorie e la sua cancerogenicità è confermata dall'AIRC (Associazione Internazionale per la Ricerca sul Cancro) già dal 2004. Nel settore del legno, la formaldeide trova applicazione nella produzione di resine impiegate per la preparazione di vernici ureiche, di adesivi e di carte impregnate per la nobilitazione. L'utilizzo principale di queste resine si ha comunque nella produzione di pannelli di MDF o compensati. Anche per questo motivo, Pivato da sempre nelle sue porte utilizza soltanto semilavorati in abete o pioppo. Per quanto riguarda le emissioni negli ambienti abitativi, le normative prevedono il valore di emissioni limite da non superare di 3,5 mg/mqh. Nelle prove effettuate presso l'istituto CATAS, i prodotti Pivato si sono assestati su un valore medio di 1,25 mg/mqh (la variabilità è data dalla finitura della porta), rimanendo quindi ampiamente sotto al limite imposto.

Modello laccato bianco opaco. Anta con bassorilievi

Modello laccato bianco opaco. Anta con bassorilievi

Isolamento acustico
L'isolamento acustico è l'insieme degli accorgimenti messi in atto per ridurre la trasmissione di energia dalla fonte di origine ai luoghi riceventi che devono essere protetti. Se 0 decibel è la soglia teorica di udibilità umana, verso i 120 decibel il suono raggiunge un tale spessore da indurre fastidio e vicino ai 140 inizia la sensazione di dolore. Nonostante la porta per interni nasca per dividere contesti abitativi dello stesso macro ambiente, i risultati dei test sulle porte Pivato, effettuati secondo la normativa UNI EN ISO 10140-2:2010, hanno riportato un valore di isolamento che oscilla tra i 28 e i 30 dB a seconda dello spessore dell'anta (40 mm oppure 56 mm) e della collezione, dimostrando che Pivato è attenta e cura nel suo processo produttivo anche questa problematica.

Inquinamento acustico

Inquinamento acustico

Il brevetto industriale europeo sul dispositivo di ancoraggio permette di eseguire una posa in opera in poche e veloci operazioni, che se svolte correttamente, rendono la porta stabile nel tempo senza cedimenti. Consente inoltre l'installazione di ante particolarmente pesanti senza ricorrere all'impiego di cerniere aggiuntive.

Design - Profilo unico
La vera novità studiata da Pivato è il profilo unico: un pezzo realizzato in abete giuntato a pettine nel quale il coprifilo e lo stipite si fondono insieme garantendo maggiore solidità ed eliminando la giuntura tra gli stessi per un design ancora più minimale e pulito.

1. Design - Profilo unico

1. Design - Profilo unico

Progettualità - Lamella di alluminio
Nella parte posteriore del profilo angolare viene ricavato un alloggiamento in corrispondenza di ogni cerniera, su cui viene inserita una lamella di alluminio che servirà per il fissaggio delle cerniere.

2. Progettualità - Lamella di alluminio

2. Progettualità - Lamella di alluminio

Solidità - Cerniere a scomparsa registrabili
Le cerniere vengono quindi fissate con viti metriche alla lamella di alluminio. L'accorgimento consente di sgravare il peso dell'anta dal profilo unico in legno, scaricandolo sulla lamella di alluminio.

3. Solidità - Cerniere a scomparsa registrabili

3. Solidità - Cerniere a scomparsa registrabili

Garanzia - Stadia di alluminio
La porta viene ancorata a una stadia di alluminio precedentemente fissata al muro, falso telaio o cartongesso. L'operazione conclude il fissaggio meccanico tra cerniera-lamella-stadia.

Caratteristiche tecniche
Incastro coprifilo/stipite a pettine. Brevetto Pivato
Cerniere a scomparsa registrabili in grigio alluminio con la cover dello stesso colore dell'anta (di serie)
Anta con spessore 40 o 56 mm
Apertura a 180°
Complanarità sul lato interno della stanza

Pubblica i tuoi commenti