Pilkington migliora il comfort ambientale e acustico

Il vetro, in ambito edilizio, è una scelta per l’efficienza energetica molto importane, se utilizzata in modo sapiente, ma purtroppo molte volte dimenticata.

Il piano di investimenti per l'Europa, detto Piano Junker, ha l'obiettivo di mobilitare, entro la fine del 2017, almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati, per permettere all'economia di far crescere gli investimenti e i posti di lavoro. Il settore principalmente citato in questo piano è quello energetico per i suoi importanti benefici in merito all'ambiente. Nel documento si legge infatti: "L'Unione europea dell'energia darà un contributo determinante al riguardo. Va garantita l'attuazione integrale del terzo pacchetto sull'energia…. La Commissione adotterà inoltre i provvedimenti necessari per dare seguito alle recenti decisioni sul quadro 2030 per il clima e l'energia".

L'80% degli edifici europei è dotato ancora di vetri di vecchia concezione, inadeguati per le necessità attuali del settore edilizio, che cerca di utilizzare meno energia possibile per ridurre le emissioni inquinanti. I vetri moderni possono, soddisfare molte di queste esigenze. Fino ad ora però l'attenzione è sempre stata indirizzata più sulla scelta del serramento, mentre la parte delle superfici vetrate è sempre passata in secondo piano. Oggi è possibile, valutando la posizione di un edificio, in funzione delle esposizioni delle parti vetrate, della destinazione d'uso e delle zone climatiche, individuare i prodotti più adeguati che riducono il surriscaldamento interno o che limitano la dispersione termica dall'interno e quindi riducono i consumi per il riscaldamento. Uno dei prodotti più diffusi che può risolvere alcune di queste problematiche è il vetro Pilkington Suncool che riesce a coniugare un'alta capacità di trasmissione luminosa con fattori di trasmittanza termica e controllo solare particolarmente importanti. Questa gamma di vetri è in grado di ridurre il consumo energetico respingendo verso l'esterno la parte di radiazione solare che comporta il surriscaldamento degli ambienti. Nonostante un elevato grado di trasparenza, luminosità e un fattore solare del 30%, questo prodotto riesce a ottenete un valore Ug di 1,0 W/m2K con le versioni in vetrocamera tradizionale e raggiungere, con l'utilizzo del triplo vetro, valori di transmittanza termica fino a 0,5 W/m2K. Con la versione Pilkington Activ Suncool™, oltre alle caratteristiche di controllo solare e di isolamento termico si aggiunge il vantaggio del vetro autopulente con duplice rivestimento. Invece, i vetri Pilkington Optitherm trattengono all'interno dell'edificio il calore, riducendo al minimo la dispersione verso l’esterno e diminuendo così i consumi dati dal riscldamento.

Oltre al risparmio energetico, per migliorare l'ambiente, bisogna pensare anche alla costruzione di edifici che permettono di ridurre l'inquinamento acustico, ulteriore e pericolosissima forma di degrado ambientale, spesso sottovalutata perché invisibile, che riduce drasticamente la qualità della vita. Quando gli edifici sono ubicati in prossimità di aree commerciali affollate, aeroporti, linee ferroviarie, stadi, ecc. e utile utilizzare Pilkington Optiphon™ che consente di avere una riduzione di 50 dB, superiori alle normali richieste delle normative italiane di 40 dB. L'inserimento di speciali fogli di PVB all'interno del vetro permette di ridurre il passaggio delle onde sonore senza compromettere la resistenza agli urti e la luminosità.

Alle prestazioni tecniche di questi prodotti bisogna aggiungere anche il vantaggio, grazie alle normative applicate dagli indirizzi politici dell'UE, che, per il cittadino privato che decide di sostituire i vetri della propria abitazione, il costo è basso e si annulla nel giro di pochi anni, diventando un guadagno anche dal punto di vista economico.

www.pilkington.com

Pubblica i tuoi commenti