Grandi vetrate: geometrie decise con stile minimale per la villa Breakwater

Grandi vetrate

Un’architettura moderna per una nuova villa a Griante, in provincia di Como. Volumi ben definiti risaltano nella naturalezza del paesaggio circostante

Un progetto dell’architetto Massimiliano Nutricati dello Studio Numax quello di una nuova villa chiamata Breakwater a Griante, paese situato lungo la sponda ovest del Lago di Como.

La nuova costruzione, dai volumi ben definiti scanditi da geometrie decise, dialoga e, allo stesso tempo, contrasta con la naturalezza del paesaggio circostante invaso da colline verdi e acqua di lago.

Dallo stile minimale, la villa è un complesso articolato di volumi che rivolge lo sguardo proprio di fronte a Bellagio, un territorio fatto di presenze storiche ma anche di edifici moderni sorti a seguito dell’influenza del razionalismo lariano che, in questi luoghi, ha trovato nel tempo molte possibilità d’espressione.

Grandi vetrate

Questa villa appare come un artefatto dove viene annullato il decoro e lasciata espressione alla composizione architettonica che ne definisce piante e prospetti.

La massima permeabilità tra interno ed esterno è uno dei tratti distintivi del progetto ed è percepibile in planimetria, in particolare osservando la presenza della piscina che costituisce un elemento di mediazione tra la villa e il lago.

L’involucro, invece, si caratterizza per la presenza di grandi aperture vetrate dai profili essenziali che scandiscono i volumi che degradano verso il lago e trovano, nel basamento di pietra, l’anello di congiunzione con l’elemento naturale, la superficie d’acqua.

Grandi vetrate

I serramenti dallo spessore ridotto disegnano una maglia regolare delle aperture, permettono di ottenere la massima superficie vetrata e contribuiscono a garantire

Grandi vetrate dai profili essenziali scandiscono i volumi del progetto di Griante, sul lago di Como

un ottimale apporto di luce favorendo, allo stesso tempo, prospettive inedite e splendidi scorci sul lago.

Per questi elementi trasparenti il progettista ha scelto Secco Sistemi come partner di fiducia, scegliendo la serie di serramenti OS2 65 con profili di acciaio zincato verniciato. Grazie alle caratteristiche fisiche e tecniche dell’acciaio, infatti, è possibile ottenere profili sottili, forti e performanti, che consentono grande libertà nel disegno del serramento e ne riducono l’impatto visivo, con conseguente effetto di leggerezza, di trasparenza e di massima luminosità negli spazi interni. I modelli OS2 65 pensati da Secco Sistemi, specificatamente per la sostituzione di elementi esistenti, associa spessori minimi, alte prestazioni e una resa estetica assoluta, determinata dalla pulizia del disegno ma anche dall’impiego di materiali preziosi.

Intervista a Davide Frigerio, responsabile commerciale di Effegieffe

La Effegieffe compare in questo progetto con il ruolo di squadra di serramentisti. Di cosa vi siete occupati nel dettaglio?

Abbiamo realizzato tutte le chiusure vetrate con profili Secco Sistemi partendo da un progetto architettonico, sviluppandone tutti gli esecutivi con elementi prodotti ad hoc per questa villa. Diciamo che il progetto può definirsi “custom” in tutti i suoi elementi.

C’è stata collaborazione fra voi serramentisti e i tecnici di Secco Sistemi nella messa a punto del prodotto più adatto a questo edificio?

Secco Sistemi è da anni al nostro fianco che siamo un’azienda di famiglia che conta ormai 110 anni di attività arrivata alla 5a generazione. La collaborazione con Secco Sistemi dura da circa quarant’anni ormai, rapporto in cui loro ci supportano da un punto di vista tecnico e documentale e noi realizziamo il prodotto finito utilizzando i loro elementi e seguendo le linee guida produttive.

Date le ampie vetrate presenti in questa villa, vi siete occupati anche di eventuali accessori e componenti riguardanti la predisposizione di schermature solari?

Non ci siamo occupati delle schermature solari perché non erano richieste dal progettista, abbiamo però fatto una serie di verifiche tecniche sulle strutture metalliche in quanto le dimensioni di molti serramenti erano fuori dal sistema standard.

Effegieffe è serramentista di fiducia di Secco Sistemi o si tratta di uno dei primi progetti di collaborazione fra le due aziende?

Come già detto siamo in collaborazione da diversi anni e proprio quest’anno siamo stati invitati a siglare un accordo di partnership con la stessa Secco Sistemi, rivolto a un gruppo ristretto di serramentisti selezionati proprio in base all’affidabilità dei prodotti realizzati con i loro sistemi.

Quest’accordo ci permetterà di avere un supporto tecnico dedicato oltre a una serie di prodotti in esclusiva per la nostra azienda, sicuramente un riconoscimento importante a livello commerciale.

In genere, come s’intrecciano le dinamiche fra voi e Secco Sistemi e, in particolare, in questo progetto, grazie a chi siete stati coinvolti come serramentisti?

Il progetto ci è stato affidato direttamente dalla Secco Sistemi interpellata dal progettista che richiedeva un serramentista “certificato” per la realizzazione di questi serramenti. Normalmente, la Secco Sistemi segue i progetti con i progettisti fin dal principio sviluppando le soluzioni e i relativi budget. In seguito, quando il progetto diventa esecutivo, veniamo interpellati per gli aspetti contrattuali e logistici.

 

 

 

Pubblica i tuoi commenti