Macchine per lavorare il legno: ricerca, innovazione e personale qualificato

Da una realtà familiare dedicata alle macchine per la lavorazione del legno, in pochi anni si raggiungono numeri sorprendenti: oltre 3.600 dipendenti e 20mila macchine prodotte. Si tratta del gruppo SCM

Valorizzazione del territorio, formazione e personale qualificato, ricerca e innovazione tecnologica sono i temi che contraddistinguono lo sviluppo di Scm Group. Una storia iniziata a Rimini, quando Nicola Gemmani e Lanfranco Aureli, esperti di fonderie e lavorazioni meccaniche, iniziano una collaborazione che nel 1952 vede nascere la loro prima macchina per la lavorazione del legno, progettata dall’Ingegnere Giuseppe Gemmani, figlio di Nicola.

Come conferma Walter Biagi, Business Unit manager SCM per i Centri di Lavoro per il massello, “in breve tempo, con il marchio L’Invincibile, SCM offre una gamma completa di macchine classiche agli operatori di tutto il mondo. I primi passi sono gli stessi che il Gruppo porta avanti anche oggi: produzione locale e mercato globale. L’apertura al mercato europeo risale già agli anni ‘50 e sono del 1962 le prime relazioni commerciali con i Paesi Arabi, il Far East e l’Oceania”. Oggi Scm Group, con 20 filiali nel mondo, tre principali poli produttivi in Italia (in espansione), oltre 3600 dipendenti, 20mila macchine prodotte, un export del 90%, 350 fra agenti e distributori, più di 500 tecnici impiegati nell’assistenza e 500 brevetti registrati, è protagonista nelle tecnologie per la lavorazione di una vasta gamma di materiali: legno, plastica, vetro, pietra, metallo, materiali compositi e nei componenti industriali. Walter Biagi, a seguire, ne definisce ulteriormente programmi e progetti.

Vi state dirigendo verso una produzione legata al concetto di “fabbrica 4.0”?

La nuova rivoluzione digitale industriale è una trasformazione che trascina la crescita economica e crea per i costruttori di macchine un nuovo incredibile modello di business. Ci spostiamo verso uno scenario dove le macchine sono sempre più intelligenti, dotate di sensori che consentono di generare un incredibile quantitativo di dati, effettuare analisi altamente sofisticate, utilizzare le macchine in modi molto più efficienti. Scm Group vuole essere protagonista: è in corso infatti lo sviluppo di sistemi Industrial IoT per le proprie tecnologie. Sistemi che consentano di riparare le macchine prima che si rompano, senza sprechi di tempo, ottenendo un più rapido ritorno dell’investimento e una migliore organizzazione dei reparti produttivi. Inoltre, l’azienda ha sviluppato una serie di tecnologie digitali con il progetto Maestro Digital System al fine di rendere più semplice il lavoro dei professionisti del settore, garantendo sempre un know-how di alto livello.

Restringendo il campo al settore del legno e ai serramenti, quali sono le proposte di SCM?

L’idea di SCM è da sempre quella di legare l’evoluzione tecnica ai bisogni concreti dei suoi utilizzatori finali e oggi, la tendenza riguarda una produzione sempre più su misura, mantenendo i vantaggi della produzione industriale. Questo accade anche nel settore del serramento al quale SCM offre un’ampia varietà di soluzioni. Per citare solo l’ultima nata che verrà presentata in anteprima a Holz Handwerk, si preannuncia di grande interesse sia per i serramentisti che per i produttori di porte e scale Accord 42 fx, il nuovo centro di lavoro con doppio gruppo operatore combinato a 3 e 5 assi a teste indipendenti, pensato per coniugare al meglio necessità di alta potenza e profilatura con esigenze di creatività e flessibilità produttiva, in linea con le richieste di un mercato sempre più spostato verso prodotti su misura e custom. Per i professionisti che necessitano di mantenere quantità importanti la risposta è l’angolare Windor nt1, macchina compatta in grado di produrre fino a 20-25 finestre al giorno e di avere in ristrette dimensioni tutte le funzioni utili per il serramento. Per chi richiede invece una maggiore flessibilità e versatilità, una soluzione ottimale è invece fornita dalle gamme di celle integrate Accord wd, Integra e Pro Evolution. Soluzioni diverse tra loro, ma accomunate dalla capacità di lavorare tutti i singoli componenti di un serramento senza mai lasciare la presa libera.

Grande interesse per la macchina Accord 42 fx, per serramentisti e produttori di porte e scale

In che direzione sta andando l’innovazione?

L’innovazione targata SCM si sposta sempre più verso la realizzazione di celle di lavoro flessibili. Nel caso di Accord wd parliamo di una tecnologia particolarmente adatta alla produzione di serramenti e porte, che permette di produrre sia piccoli lotti senza il presidio dell’operatore che prodotti d’arredo complementari alla fornitura, esigenza tipica delle piccole realtà artigiane. La gamma Integra comprende invece celle di lavoro per porte e finestre che garantiscono eccellenti prestazioni offerte dalla combinazione di unità di lavoro a 3 e 5 assi, lavorando in continuo e avanzando sempre alla massima velocità consentita. Nel caso di Pro Evolution, infine, proponiamo soluzioni con sistemi di carico e scarico innovativi, capaci di produttività importanti e numerose combinazioni nei gruppi di lavoro per tenonare, forare e profilare, elaborando sequenze di pezzi diversi gli uni dagli altri e offrendo protezione integrale dell’impianto sia per l’operatore che per l’ambiente.

Tecnologia senza sprechi di tempo con un rapido ritorno dell’investimento e una migliore organizzazione dei reparti produttivi

Quali sono le richieste più frequenti che ricevete dai produttori di serramenti in legno?

Negli ultimi anni il mercato si è orientato verso una produzione versatile, flessibile e customizzata. Di conseguenza il centro di lavoro a controllo numerico, che nasce per essere flessibile nella misura in cui consente all’operatore di eseguire più lavorazioni, ha assunto sempre più importanza all’interno dell’offerta SCM per il serramentista. Il limite, in questo caso, non è più dato dalla macchina, ma dalla capacità dell’operatore di sfruttarla appieno in tutte le sue funzionalità. In quest’ottica diventano sempre più importanti gli applicativi e i software, come quelli offerti dalla linea Maestro Suite di SCM e dai servizi digitali di Maestro Digital Systems che aiutano ad esprimere con queste tecnologie il massimo della creatività oltre a garantire sempre una produzione di alto livello, a prescindere dal know-how dell’operatore. ◗

Pubblica i tuoi commenti