Tende interne manuali e motorizzate. Gli attuali obblighi normativi

Le tende interne manuali e motorizzate oggi non sono soggette all’obbligo di marcatura CE ai sensi del Reg. Europeo Prodotti da Costruzione n. 305/2011.

logo AssitessLe tende interne a movimentazione sia manuale sia motorizzata - a oggi - non sono soggette all'obbligo di marcatura CE ai sensi del Regolamento Europeo Prodotti da Costruzione n. 305/2011. Poiché non è stato ancora istituito alcun periodo transitorio, allo stato attuale, è vietato immettere tali prodotti sul mercato recanti la marcatura CE ai sensi del Regolamento Europeo Prodotti da Costruzione n. 305/2011. Rimane tuttavia l'obbligo di rispettare la norma UNI EN 13120:2014 "Tende Interne - requisiti prestazionali compresa la sicurezza" con particolare riferimento alle caratteristiche prestazionali che fanno capo alla "sicurezza in uso", tra cui rientra la "protezione dallo strangolamento" per le tende interne (comprese le zanzariere) e la "protezione dallo schiacciamento" per quelle motorizzate. L'edizione 2014 della norma UNI EN 13120 aggiorna e sostituisce la precedente versione del 2009. Per accertare la protezione dal rischio di strangolamento offerta dalle tende interne e dai dispositivi di sicurezza sono di riferimento i requisiti e i metodi di prova descritti dalle norme europee EN 16433:2014 "Tende interne - Protezione dai rischi di strangolamento - Metodi di prova" e UNI EN 16434:2014 "Tende interne - Protezione dai rischi di strangolamento - Requisiti e metodi di prova per dispositivi di sicurezza".

L'aggiornamento della UNI EN 13120:2009 e l'elaborazione delle norme EN 16433 ed EN 16434 sono stati effettuati dal Comitato Europeo di Normazione (CEN) in risposta al mandato M/505 del 4 settembre 2012 della Commissione Europea. Le tende interne quindi conformi alle prescrizioni delle norme europee EN 13120 (punti 8.2 e 15 relativi alla protezione dallo strangolamento), EN 16433:2014 ed EN 16434:2014 possono essere ritenute "idonee" ai fini dell'utilizzo da parte di bambini. Esse infatti risultano conformi all'obbligo generale di sicurezza dei prodotti immessi sul mercato di cui alla direttiva 2001/95/CE del Parlamento europeo e del Consiglio. Questo aspetto viene anche sancito dalla Decisione 2011/477/CE del 27 luglio 2011 e dalla Decisione di esecuzione 2014/531/UE del 14 agosto 2014. La Decisione della Commissione Europea 2011/95/CE del 27 luglio 2011 precisa che, al fine di ridurre il rischio di strangolamento e asfissia interna, il modello delle tende interne per finestre (e delle coperture per finestre con corda) deve risultare intrinsecamente sicuro e che eventuali corde, catene, catene a sfere ed elementi analoghi, se accessibili, non devono poter formare un cappio pericoloso. Inoltre, se il modello del prodotto non elimina il rischio di formazione di un cappio pericoloso, il prodotto deve essere dotato dei dispositivi di sicurezza appropriati per minimizzare il rischio di strangolamento. La decisione fornisce anche indicazioni in merito agli eventuali dispositivi di sicurezza. Essi devono resistere all'azionamento da parte di  bambini, non devono liberare componenti di piccole dimensioni atti a causare l'asfissia interna del bambino, non devono porre alcun rischio di lesione fisica ai bambini, dovuta, per esempio, a spigoli vivi, schiacciamento delle dita o elementi sporgenti, devono superare prove di durata e di fatica (resistenza all'usura) e devono risultare resistenti all'invecchiamento dovuto alle condizioni atmosferiche.

La Decisione di esecuzione 2014/531/UE del 14 agosto 2014:
– richiama la Decisione 2011/477/CE;
– ricorda che ai sensi della Direttiva 2001/95/CE sulla sicurezza dei prodotti immessi sul mercato i produttori sono tenuti a immettere sul mercato prodotti sicuri;
– all'art. 2, dice espressamente che: "… si presume che un prodotto sia sicuro, per quanto concerne i rischi e le categorie di rischi disciplinati dalla pertinente normativa nazionale, quando è conforme alle norme nazionali non cogenti che recepiscono le norme europee, i cui riferimenti sono stati pubblicati dalla Commissione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea …".
– sancisce che le disposizioni della norma EN 13120:2014 relative allo strangolamento e le norme EN 16433 ed EN 16434, soddisfano il mandato M/505 e rispettano l'obbligo generale di sicurezza di cui alla Direttiva Europea 2001/95/CE sulla sicurezza dei prodotti immessi sul mercato.
In Italia, lo stesso principio dell'art. 2 della Decisione di esecuzione 2014/531/UE è sancito anche a livello del D.Lgs. 6 settembre 2005, n. 206 "Codice del consumo, a norma dell'art. 7 della legge 29 luglio 2003, n. 229". Tale decreto stabilisce che, in assenza di specifiche disposizioni comunitarie o di specifiche regolamentazioni nazionali cogenti e del recepimento nazionale di  specifiche norme europee non cogenti, "la sicurezza del prodotto è valutata in base alle norme nazionali non cogenti che recepiscono norme europee, alle norme in vigore nello Stato membro in cui il prodotto è commercializzato, alle raccomandazioni della Commissione europea relative a orientamenti sulla valutazione della sicurezza dei prodotti, ai codici di buona condotta in materia di sicurezza vigenti nel settore interessato, agli ultimi ritrovati della tecnica, al livello di sicurezza che i consumatori possono ragionevolmente attendersi". Con la Decisione di esecuzione della commissione Europea 2014/531/UE del 14 agosto 2014 si conclude un lungo iter normativo che ha coinvolto le associazioni dei produttori e dei consumatori, nato a seguito di tristi casi di cronaca che hanno visto bambini vittime di strangolamento da cordoli di tenda, soprattutto nel mondo anglosassone che ha visto in prima battuta la pubblicazione della Decisione della Commissione Europea 2011/95/CE del 27 luglio 2011 che precisava: Le tende interne motorizzate sono invece soggette alla marcatura CE ai sensi della Direttiva Macchine 2006/42/CE del 17 maggio 2006 (detta "nuova direttiva macchine") e, nell’ambito di applicazione di tale direttiva, l’edizione 2014 della norma UNI EN 13120 non è stata ancora armonizzata. Rimane pertanto di riferimento, ai fini dell'applicazione della Direttiva Macchine, l'edizione 2009 della UNI EN 13120 che era stata armonizzata dalla Comunicazione della Commissione Europea del 5 aprile 2013. Della UNI EN 13120:2009 sono di riferimento le seguenti appendici ai fini dell’applicazione della Direttiva Macchine 2006/42/CE: appendice B: individua i rischi rilevanti connessi alla tende interne motorizzate distinguendo tra rischi meccanici, elettrici e generati dalla specificità dei materiali e dei prodotti e correlandoli alle caratteristiche prestazionali dei prodotti descritte dalla norma tessa. Caratteristiche come la forma, la resistenza meccanica, lo schiacciamento, le ferite da taglio sono connesse per esempio ai rischi meccanici; appendice ZA: conferisce presunzione di conformità alla UNI EN 13120:2014 per quanto concerne le false manovre e la protezione dallo schiacciamento. L'edizione 2014 della UNI EN 13120 non apporta modifiche alle appendici B 12 e ZA.

www.assites.it

leggi anche:
Marcatura CE 2015 per le chiusure oscuranti
Detrazioni del 65% per le schermature solari

Pubblica i tuoi commenti