Cohousing energeticamente sostenibile e di qualità per Hörmann

Nella realizzione di questo Cohousing è stata fatta particolare attenzione nel recupero delle volumetrie di fabbricati ià esistenti.

L'attenzione alla qualità abitativa non è di certo trascurata laddove si creano le condizioni per poter intraprendere un'esperienza di cohousing abitativo e sociale. In Italia molte sono state le esperienze che hanno sperimentato tale tipo di azione collettiva su porzioni urbane di diverse città e spesso corrispondono a buone pratiche da prendere come esempio per progetti successivi. Cohousing Sangiorgio è il nome di un complesso residenziale sorto di recente nei dintorni di Ferrara che è stato il frutto delle scelte condivise degli stessi abitanti che poi hanno scelto di abitare questi appartamenti. Si tratta di un'iniziativa residenziale promossa dall'Associazione Cohousing Solidaria che ha creato le condizioni per costruire un insediamento per sette nuclei familiari che, dato il successo ottenuto, potrebbero in un futuro aumentare.

Il complesso è stato progettato dallo Studio Rizoma Architetture di Bologna che, confrontandosi in continuazione con la platea attiva dei futuri proprietari e recuperando le volumetrie di alcuni fabbricati preesistenti, insieme hanno realizzato un edificio pluripiano affacciato verso il corso del Po di Primaro. La leggera e performante struttura in legno, il campo fotovoltaico in copertura e le soluzioni impiantistiche hanno assicurato il massimo comfort, a fronte di consumi energetici praticamente nulli (Classe A+). L'innovativo edificio residenziale è stato, infine, completato con un volume basso destinato alle autorimesse prospiciente l'accesso carrabile che si è scelto di dotare con portoni Hörmann rivestiti di legno.

Sono in totale otto portoni basculanti Hörmann modello Berry N80, dalla larghezza compresa fra 2.560 e 2.680 mm e l'altezza di 2.300 mm, con apertura manuale e predisposizione per la motorizzazione. Sono composti da un telaio tubolare rettangolare e dal manto di rivestimento, entrambi in acciaio zincato (RAL 8028 marrone terra), più strato esterno in perline di legno d'abete nordico naturale trattate con impregnante neutro, sovrapposto al manto di rivestimento. Per ciascun portone sono state ricavate quattro finestre fisse, realizzate in lastre di acrilico e disposte nella fascia più alta. Le guide di scorrimento sono dotate di sistema di sicurezza d'arresto in apertura e di carrelli in materiale sintetico anti-usura, con protezione salvadita. L'apertura e la chiusura avvengono grazie a chiavistelli regolabili a scatto automatico su due lati, serratura con mezzo cilindro profilato, pomolo esterno e impugnatura di sicurezza interna. Il bilanciamento del movimento è affidato a molle traenti multiple e leverismi di sicurezza.

INTERVISTA A LORENZO MAESTRAMI, DELLA FERRUCCIO MAESTRAMI

Vi siete occupati di tutto il cantiere compreso del montaggio dei portoni Hörmann?
Ferruccio Maestrami, è una realtà che combina diverse maestranze, attrezzature e ufficio tecnico altamente qualificato in grado di porre massima qualità in tutte le fasi del processo edilizio, perciò ci siamo occupati, come spesso avviene, della realizzazione dell'opera nella totalità dei suoi aspetti. Nel dettaglio però l'installazione dei portoni basculanti è stata fatta da un tecnico interno alla Hörmann stessa.

Come è ricaduta la scelta su di voi, grazie ai committenti, ai progettisti o a una gara di appalto o altro?
Il progetto per questa Cohousing Sangiorgio ci è stato affidato mediante l'organizzazione e la vincita di una gara d'appalto.

Quale è il vostro parere sui portoni Hörmann, avendoli avuti e utilizzati in questo e magari anche in altri cantieri?
Siamo complessivamente soddisfatti del prodotto scelto, consideriamo la qualità dei portoni Hörmann di buon livello, anche perché, tra le varie disponibilità di colori e finiture a catalogo, c’è stata anche la possibilità di poter utilizzare lo stesso materiale che ha caratterizzato le aperture presenti sui prospetti.

Ci sono particolari predisposizioni che avete realizzato in cantiere, dal punto di vista della struttura, al fine di ospitare il posizionamento dei portoni Hörmann?
La posa in opera dei portoni non ha richiesto nessuna particolare predisposizione in cantiere e non abbiamo ritenuto necessario nessun accorgimento al fine di garantire un buon risultato finale. Giudichiamo dunque il prodotto facile e maneggevole dal punto di vista pratico e dell'installazione.

Pubblica i tuoi commenti