Dario Vaccari, presidente Alias: le porte d’ingresso fra design e domotica

Fra stile e innovazione tecnologica, le porte blindate di Alias rispondono alle necessità di sicurezza e alle richieste progettuali contemporanee.

Dai 15 dipendenti nell'anno di fondazione, il 2002, agli attuali 100: numeri che definiscono la forza di un'azienda, Alias, e la sua intraprendenza nel settore delle porte di sicurezza. Specializzata nella produzione di porte blindate, l'azienda è costantemente impegnata in attività di ricerca, innovazione e cura della qualità, per poter offrire prodotti in grado di rappresentare il connubio vincente fra alte prestazioni tecniche e soluzioni stilistiche. Disegnare una porta non significa limitarsi a un elemento indipendente ma rappresenta l'elaborazione completa di un progetto di interni. Ne è la prova l'inserimento nell'ADI Design Index 2016 della porta blindata rasomuro resistente al fuoco Wing Wall E12-60, in concorso, quindi, per il Premio Compasso d'Oro assegnato nel 2018.

Grande attenzione al design, seguito da specialisti del settore, e all'intero ciclo di vita della porta, dunque, dalla progettazione all'assistenza post-vendita, nel rispetto di un percorso dedicato alla qualità. Attiva in Italia, Alias è particolarmente ricercata anche all'estero: Francia, Belgio, Spagna, Portogallo, Cina, Nord Africa e Grecia sono fra i paesi che garantiscono all'azienda il 30% dell'export. Alias ha diversi punti vendita anche in tutte le regioni d'Italia. Dario Vaccari, presidente dell'azienda, spiega in che direzione stanno andando e quali sono i programmi per il vicino futuro, fra design e domotica.

In che direzione sta andando l'innovazione nel settore delle porte blindate?
Alle prestazioni generali dell'antieffrazione, sicuramente si unisce oggi l'elettronica, direttamente collegata alla domotica.

Quali sono i prodotti maggiormente richiesti e quali sono le loro caratteristiche specifiche?
Abbiamo prodotti di punta, come Wing, che stanno crescendo anche perché danno un plus dal punto di vista dell'estetica e di tutto ciò che concerne il rapporto tra l'arredamento interno e la porta d'ingresso.

Sviluppate prodotti in grado di collegarsi a impianti domotici? Quali sono le loro caratteristiche?
Assolutamente sì, per esempio le serrature. Su questo siamo molto attenti all'evoluzione dei nostri fornitori, non essendo noi produttori. I nostri fornitori sono specifici del settore e si stanno muovendo verso sistemi diversi e sempre più performanti. C'è una App dedicata dalla quale si può governare tutta la casa, controllando direttamente gli ingressi.

Chi cura il design delle vostre porte?
Ci avvaliamo di progettisti esterni, gli architetti Roberto Tortellotti e Ivo Pellegri, con i quali abbiamo sviluppato prodotti interessanti. Non tutti i designer sono in grado di affrontare un argomento come la porta, nello specifico la porta di ingresso: in questo senso è molto importante l'esperienza nel settore.

Avete una squadra di progettisti interni?
Si cerca di seguire le linee guida date dal mondo dell'arredamento. Quindi non solo più minimalismo, tendenza che si sta assottigliando, prendendo contorni diversi. La porta blindata è una, diversamente dalle porte interne che sono parte integrante dell'arredamento.

Quali sono le ultime tendenze estetiche secondo il vostro punto di vista?
Noi ci stiamo ingegnando per riuscire a esaltare l’unicità della porta di ingresso, con delle caratteristiche uniche. Essendo la porta di ingresso una sola, servono delle idee molto forti per permetterle di imporsi e dare alla porta un’impronta importante,
in modo da riuscire a fare qualcosa di diverso senza correre il rischio di seguire i dettami delle porte interne.

A quali mercati vi rivolgete? Siete attivi anche all'estero?
Siamo attivi un po' dappertutto. Il mondo è sempre più piccolo, i confini sono ormai sempre più labili, e questo ci porta ad avere richieste da tutto il mondo, anche dai Paesi più lontani. Rispetto agli altri Paesi, noi abbiamo fatto qualche scatto in più.
Gli altri Paesi amano il design italiano, ma sono orientati alla protezione delle case più che al coordinamento dell'arredamento. Le caratteristiche estetiche, oltre che prestazionali, dei nostri prodotti ci danno quindi quel qualcosa in più.

Offrite servizi post-vendita ai vostri clienti?
Il nostro servizio post-vendita è una delle cose più importanti che offriamo. Su questo siamo attivi a 360°, dall'assistenza alla soddisfazione del cliente, avvalendoci anche dei nostri partner per rispondere a qualunque tipo di problematica possa
sorgere.

Quali sono le certificazioni di maggior rilievo e più recenti ottenute dai vostri prodotti?
Essendo attivi in tutto il mondo, puntiamo a ricevere, insieme ai nostri partner, certificati specifici per ogni Paese in cui andiamo, le cui norme e certificazioni differiscono da quelle di altri Paesi.

Pubblica i tuoi commenti